giovedì 24 ottobre 2013

Porto Fluviale. Troppa carne al fuoco.

Il quartiere Ostiense, da neanche un anno, è tutto un brulicare di tacchi 12, botulino e fighetteria di ogni genere ed età che manco al Singita.
Tutta questa ciurma di wannabe la si può ammirare ogni giorno dalle 11 di mattina fino alle 2 di notte affacciandosi al Porto Fluviale. Un enorme locale che si trova proprio vicino al gazometro, in competizione con il dirimpettaio Doppio Zero e il superfashionmarket Eataly.
Quasi 1000 metri quadri per ospitare sala da tè, caffetteria, brunch, aperitivo, trattoria, pizzeria e bisteccheria. Insomma, c'è tutto quello che serve per soddisfare un po' il palato, l'ego e se si sta un pochino attenti anche il portafoglio.

Lo stile purtroppo non riesco a descriverlo bene...c'è del rosso un po' ovunque...i banconi sono in marmo e sono lunghi e grandi...e poi ci sono tette e culi in ogni dove. Ecco, al massimo vi potrei dire quante chiappe sode, quanti ingiacchettati e quante bionde naturali bazzicano Porto Fluviale. Perché tutte le volte che ci sono stata non sono riuscita mai a vedere il locale nel suo insieme per colpa della massa di gente che affollava ogni centimetro di spazio libero.
Comunque il locale è suddiviso in 3 zone: l'area aperitivo, l'area trattoria e quella pizzeria/bisteccheria, e hanno anche la Signorina Buonasera che ti accoglie all'entrata pronta a dirti che, se non hai prenotato, c'è da aspettare SOLO 1 ora...come minimo. Roba che nemmeno alle poste.


Foto tripadvisor.it

Il menù della trattoria, se è la prima volta che lo vedi, è più complicato del cubo di Rubik.
E' un leaflet a tre ante fronte-retro e, tra cicchetti, mezze porzioni, porzioni intere, starter, street food (che hanno poco di street), gastronomia, insalate, ecc., non sai più chi sei, dove ti trovi e perché sei lì.
I cicchetti, poi, sono un'idea fenomenale per far salire il conto senza neanche aver bisogno del vino. Sono delle micro (ma micro per davvero, na forchettata e son finiti) porzioncine di diversi piatti come una polpettina-ina-ina di vitella alla pizzaiola, la panzanella, la scarpetta al sugo (piccolissima fetta di pane con sughetto), la frittatina, ecc..e il loro costo varia da 1,5 a 3 euro. E ci sono dei gusti talmente sfiziosi che non ti fermi al primo (anche perché è davvero piccolo), ma t'apparecchi per bene la tavola come se fosse Natale. Tutti buoni e goduriosi, proprio come le ciliegie. E così ti ritrovi a pagare uno sproposito per non aver manco riempito la panza. Quindi dosateli con cura sti assaggini.

Invece l'idea di creare le mezze porzioni per i primi e per i secondi la trovo davvero utile come le mutande senza cuciture che si possono indossare sotto ogni abito senza lasciar inguardabili segni sulle natiche.
In questo modo puoi ordinare il piatto più calorico che ci sia e non dover poi combattere con i troppi sensi di colpa. Ed è per questo che ho preso una sana carbonara (6 euro la 1/2 porzione, 9,5 euro quella intera). Devo dire però che non è stato il piatto forte della serata, è stata passabile e memorabile come l'ultimo film di Moccia. Non che fosse cattiva, la cremina c'era e mi sembra che fosse amalgamata bene, insomma..non era na frittata. Il guanciale era guanciale e non pancetta (cosa non da poco visto che ci sono ristoranti che gettano la pancetta sulla pasta come se fosse miglio per i piccioni)...è stata fatta con tutti i crismi, eppure il sapore non mi ha convinto, ho mangiato carbonare migliori.
Mentre l'hamburger classico di manzo (8,50 euro) con pomodoro, lattuga e maionese, l'ho trovato decisamente più buono, certo che fare un panino cattivo ce ne vuole, manco Burger King ci riesce...anche se per i miei gusti questo hamburger l'ho trovato un po' troppo asciutto.

Invece il reparto pizzeria è quello che mi ha soddisfatto di più. La pizza si può scegliere in due varianti: napoletana e romana. E io ovviamente ho provato una bella margherita bassa (5 euro). Gustosa, croccante e per nulla pesante, anzi.
I fritti invece, anche se non erano unti e "cotti" alla perfezione, peccavano nel sapore, soprattutto il supplì, poco saporito. Potrebbero decisamente fare di meglio.

In conclusione, se amate fare le sfilate di moda o siete un gruppo di amici a cui piace la caciara e la calca o siete delle sciacquette come me che adorano spettegolare su gli altri commensali, questo è il locale perfetto. E mi raccomando...non cicchettatevi troppo.




Se popo ce volete annà:

Via del Porto Fluviale, 22
Tel. 06/5743199